San Salvatore 6 - San Pietro

Vai ai contenuti

Menu principale:

Altre pagine

RUBRICA: 5 MINUTI DI PERFETTA LETIZIA

SAN SALVATORE DA HORTA
Appuntamento bisettimanale con la storia del “Pellegrino di Dio”
6° PUNTATA
Il mistero della Croce: l’Inquisizione
Il caso Salvatore era stato segnalato al tribunale dell’Inquisizione già durante il soggiorno del fraticello a Horta. In un primo tempo l’Inquisitore d’Aragona, a titolo privato, cercò di controllare se ci fosse qualcosa di poco pulito, magari un gesto che sapesse di stregoneria, ma si dovette ricredere e piangere di pentimento davanti alla trasparenza dei semplici gesti di Fra Salvatore. A Reus si trattò di un vero processo, davanti ai teologi dell’Inquisizione. Non sono rimasti gli Atti di quel processo ma si sa che Salvatore fu sottoposto a una prova: gli furono presentati due poveretti, uno cieco e l’altro sordo-muto; si voleva vedere quale stranezza avrebbe usato il frate, il quale accolse la sfida con infinita umiltà.
In santa semplicità, senza alcun risentimento, toccò gli occhi del cieco, e ci vide; toccò le labbra del muto, e parlò. È intuibile che una grande emozione turbò l’animo degli inquisitori, i quali venivano a trovarsi di fronte a un segno evidente di presenza e potenza divina e di santità del povero frate, innocente e umiliato, nonché di grossolana e gravissima ingiustizia da parte dei confratelli accusatori, tanto più grave in uomini di Dio rivestiti, addirittura, di autorità. D’altra parte, la stessa giustizia che aveva riconosciuto l’innocenza di Fra Salvatore veniva a invocare la severa punizione degli accusatori, il Padre Provinciale e il Padre Guardiano di Reus. Ma Fra Salvatore – dicono ancora i biografi – “si mise davanti a loro in ginocchio e non si rialzò finchè gli Inquisitori non si impegnarono a non prendere provvedimenti contro gli accusatori”.
Gesù avrebbe fatto così; avrebbe semplicemente perdonato, senza rancore: “Non sapevano quel che facevano”.
Alla fine, verità e giustizia si erano incontrate in una storia di dolore, di silenzio e di mansuetudine senza fine.
7° PUNTATA  (potrai leggerla il 20/4/2016)
SAN SALVATORE DA HORTA: Chiamato alla “perfetta letizia”
Torna ai contenuti | Torna al menu